Il rientro in città dopo le vacanze estive dovrebbe essere un momento magico che ci vede al meglio di noi stessi...rilassati, abbronzati, carichi di energie e di nuovi propositi per l'autunno, e desiderosi di prolungare questo stato di benessere fisico e mentale il più a lungo possibile!

A volte è così, ma può capitare che viaggi impegnativi, sonno insufficiente, pasti disordinati e un po' abbondanti abbiano messo alla prova il nostro fisico...nell'uno e nell'altro caso tisane, oli vegetali ed essenze profumate possono essere utili.

L'ideale sarebbe anticipare il ritorno di un paio di giorni rispetto alla ripresa del lavoro o della routine quotidiana: in questo modo avremo il tempo per riabituarci alla vita lavorativa, scongiurando la cosiddetta "sindrome da rientro" che si manifesta con spossatezza, insonnia, ansia e una leggera depressione.

Per quanto possibile occorre riprendere gradualmente impegni e responsabilità, fare movimento, stare all'aria aperta quando è possibile e seguire un'alimentazione leggera, ricca di frutta e verdure.

Per contrastare l'insonnia può essere utile una tisana serale a base di melissa, escolzia e passiflora e la diffusione nell'ambiente degli oli essenziali di lavanda e mandarino... magari abbinati a ylang ylang se vogliamo ricordare il profumo delle notti tropicali!

Al mattino la "tisana del lunedì" (eleuteroccco, gynostemma e cannella a cui aggiungere direttamente in tazza due cucchiaini di bacche di goji per ottenere uno stimolante "mangia e bevi") aiuta ad affrontare con energia gli impegni quotidiani mentre il profumo dell'olio essenziale di menta (ne bastano alcune gocce su un fazzoletto o un dischetto di cotone) schiarisce la mente e contrasta la stanchezza.

Questi pochi giorni di "transizione" serviranno anche a coccolarci riparando ai danni causati da sole, vento e salsedine (o dal cloro delle piscine):

  • se i capelli sono aridi e poco luminosi sarà utile un impacco pre-shampoo della durata di un'ora (da ripetere una volta alla settimana) con oli di lino, ricino o jojoba e l'uso di uno shampoo delicato a base di olio di germe di grano o proteine della seta.
    Meglio non lavare i capelli con troppa frequenza, diluire lo shampoo con acqua e usare l'asciugacapelli a calore moderato.
    Anche il balsamo dev'essere "funzionale" e apportare sostanze in grado di nutrire e ristrutturare i capelli (pappa reale, olio di germe di grano, miglio ecc.).
    Un integratore a base di miglio o di silicio renderà i capelli meno fragili e ne contrasterà la caduta.

  • se i capelli biondi si sono "scoloriti" un vecchio rimedio consiste nel fare un decotto con 150g di fiori essiccati di camomilla bolliti per 15 minuti in un litro d'acqua, filtrare ed usare il decotto tiepido come risciacquo finale dopo lo shampoo.
l'abbronzatura sarà tanto più uniforme e duratura quanto più l'uso di filtri solari adeguati sarà stato costante, proteggendo anche l'epidermide da scottature, eritemi, fotoinvecchiamento (l'80% delle rughe è causato dal sole!), macchie cutanee e danni più seri (melanomi).

Per conservare a lungo il colore delle vacanze bisogna mantenere la naturale idratazione della pelle facendo seguire ad ogni doccia l'uso di una crema a base di estratti vegetali e oli naturali dall'azione lenitiva e nutriente (olio di argan o di calendula, burro di karitèaloe vera) e se la pelle è molto secca, massaggiare un po' di olio vegetale puro su braccia e gambe anche prima della doccia o del bagno.

L'alimentazione dovrà puntare su alimenti ricchi di betacarotene, un importante antiossidante precursore della vit.A che si trova in molti vegetali di colore giallo, rosso e arancio (carote, albicocche, melone, mango, pesche, zucca e altri) e anche in alcune alghe come la Dunaliella salina, presente in alcuni integratori.

per eliminare invece le ultime tracce d'abbronzatura o per rendere nuovamente liscia ed elastica una pelle desquamata favorendo il ricambio delle cellule, ecco la ricetta per uno scrub casalingo:

mescolare 4 cucchiai di zucchero di canna e 2 cucchiai di olio di calendula, aggiungere 2 gocce di olio essenziale di lavanda e 2 di olio essenziale di incenso ed emulsionare bene.
Dopo aver testato lo scrub sull'avambraccio per accertarsi dell'assenza di intolleranze potremo massaggiarlo delicatamente sul corpo insistendo su braccia e gambe per un paio di minuti, sciacquarlo con acqua tiepida, asciugare con un asciugamano morbido e completare il trattamento con una crema o un olio idratanti.

per mantenere l'idratazione del viso e contrastare l'azione invecchiante dei raggi solari la cosmesi naturale si avvale di sostanze nutrienti ed antiossidanti di origine vegetale (oli, burri, vitamine estratte da frutti e ortaggi come arancia, mandarino, pomodoro, spinaci e carote, bioflavonoidi, funghi e altro) per la formulazione di creme e sieri adatti ad ogni tipo di pelle.
Se preferiamo il "fai da te" oltre agli immancabili oli vegetali (per il viso sono indicati quello di argan, di borragine, di jojoba e di rosa mosqueta, magari impreziositi da una goccia di olio essenziale di rosa o di sandalo) possiamo ricorrere anche a maschere preparate con fiori di calendula, semi di psillio, echinacea o eleuterococco polverizzati e mescolati con un cucchiaino di un olio vegetale per il viso e con la quantità di acqua di rose o di fiori d'arancio necessaria ad ottenere la giusta consistenza.
 

questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per fini statistici e per facilitare la navigazione. proseguendo nella navigazione se ne accetta l'utilizzo.